Con il termine protesi mobile si intendono tutte le protesi atte alla sostituzione di intere arcate o parti di essa. Sono definite mobili in quanto possono essere rimosse facilmente dal paziente durante l’arco della giornata.

PROTESI TOTALE

La protesi totale ha il compito di ristabilire completamente le funzioni masticatorie, rientra tra i dispositivi afisiologici, in quanto i carichi masticatori vengono completamente scaricati sulla mucosa e sull’osso sottostante, perché i denti vengono a mancare.
È un dispositivo atto a sostituire intere arcate ormai edentule, con una struttura di sostegno in resina acrilica di colore rosa e denti in ceramica, resina acrilica o resina composita. Con i denti del commercio prodotti attualmente si ottengono ottimi risultati estetici, fondamentale è l’abilità dell’odontotecnico che in particolare per i denti anteriori, riesce a conferire un aspetto naturale che ben si adatta al viso e alle espressioni del paziente.
Per aumentare la tenuta e la stabilità della protesi totale è possibile, se la quantità di osso residuo fosse sufficiente, ricorrere alla chirurgia implantare (vedi IMPLANTOLOGIA). In tal caso verrebbero inseriti nella cresta edentula degli impianti con funzione di ancoraggio.

PROTESI PARZIALE

La protesi parziale si ancora tramite ganci o attacchi ai denti rimanenti. Quando la protesi parziale ha una struttura di sostegno metallica viene definita protesi scheletrica o scheletrato, quest’ultimo è una protesi parziale mobile, costruita con una struttura interna in cromo/cobalto, che permette di ancorarsi ai denti naturali tramite ganci di sostegno. Altre tipologie di scheletrato adottano sistemi di aggancio detti attacchi di precisione che però devono utilizzare un ripristino protesico fisso su cui ancorarsi. L’insieme di questa tipologia di protesi “fissa + scheletrica” viene detta protesi combinata. Su questa struttura portante, chiamato appunto scheletrato, vengono montati denti in ceramica o resina per ripristinare la funzione masticatoria fonetica ed estetica del cavo orale.

In determinate circostanze, si può realizzare anche una protesi a base di nylon (Valplast), che è un materiale le cui caratteristiche basilari sono la flessibilità e la biocompatibilità con i tessuti del cavo orale. Il Valplast è normalmente utilizzato per protesi parziali, protesi totali e ganci estetici.

Tutte le protesi realizzate dai laboratori presso i quali ci serviamo sono in possesso di un Certificato di Conformità alla Direttiva MDR 2017/745

Chiama Ora
Chiama Ora